Dieta vegana, occhio a carenza sostanza chiave per cervello

05/09/2019 - 13:11

Seguire una dieta base vegetale e vegana con l'idea di far bene al Pianeta è un gesto senz'altro con intenti encomiabili, ma rischia di peggiorare l'assunzione già bassa di un nutriente essenziale coinvolto nella salute del cervello, la colina. La molecola viene infatti assunta tramite l'alimentazione.

Le fonti primarie sono manzo, uova, latticini, pesce e pollo, con livelli molto più bassi in noci, fagioli e verdure crucifere, come i broccoli. A mettere in guardia è la nutrizionista britannica Emma Derbyshire, in un articolo online su BMJ Nutrition, Prevention & Health. L'esperta ricorda che nel 1998, riconoscendo l'importanza della colina, l'Istituto americano di medicina (The United States - US - Institute of Medicine - IOM) ha raccomandato un'assunzione giornaliera minima quantificata in 425 mg al giorno per le donne e 550 per gli uomini, che diventano 450 e 550 per le donne in gravidanza o che allattano. Nel 2016 l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (European Food Safety Authority - EFSA) ha pubblicato requisiti giornalieri simili. Tuttavia, sondaggi in Nord America, Australia ed Europa mostrano che l'assunzione abituale di colina, in media, non è quella raccomandata.

«Questo è preoccupante - evidenzia Derbyshire - dato che le tendenze attuali sembrano essere verso la riduzione della carne e le diete a base vegetale». L'esperta poi si sofferma in particolare sul Regno Unito, spiegando che «attualmente la colina è esclusa dai database di composizione degli alimenti nel Regno Unito, dalle principali indagini dietetiche e dalle linee guida dietetiche». Potrebbe essere arrivato il momento che il Comitato consultivo scientifico indipendente sulla nutrizione del governo del Regno Unito inverta tutto questo, suggerisce, in particolare alla luce delle crescenti prove dell'importanza della colina per la salute umana.

(ANSA)

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci