Il cervello sopprime le idee ovvie per renderci creativi

15/12/2018 - 12:35

Sopprimere le idee ovvie perraggiungerele più innovative. È così che il cervello umano lavora sulla creatività. Lo rivela uno studio della Queen Mary University of London e della Goldsmiths, University of London pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences.

La ricerca mostra che le onde cerebrali svolgono un ruolo cruciale nell'inibire le modalità di pensiero abituale per aprire la strada all'accesso alle idee più remote. Il team di studiosi ha scoperto che queste onde cerebrali, o oscillazioni alfa nell'area temporale destra del cervello, aumentano quando si ha bisogno di sopprimere le associazioni fuorvianti per compiti creativi. Livelli più elevati di onde cerebrali alfa consentono alle persone di elaborare idee che sono più lontane dagli usi ovvi o noti. Stimolando la parte temporale destra del cervello nella frequenza alfa aumenta la capacità di inibire collegamenti ovvi in entrambi i tipi di pensiero creativo, quello convergente (trovare una soluzione “pronta all'uso”) e divergente (quando si devono inventare diverse idee creative).

I ricercatori hanno dimostrato il meccanismo neurale responsabile della creatività monitorando l'attività elettrica del cervello attraverso un elettroencefalogramma. L'uso di una tecnica non invasiva denominata stimolazione cerebrale transcranica a corrente alternata ha anche permesso loro di sondare il ruolo delle onde. Gli esperimenti condotti hanno esaminato il modo in cui il cervello affronta una serie di compiti creativi come trovare parole che si colleghino tra loro. Ad esempio, ogni volta che cerchiamo concetti associati a una parola, partiamo da associazioni più forti per spostarci verso quelle più remote.

«Prendere una strada meno percorsa - evidenzia Joydeep Bhattacharya, coautore dello studio - è necessario per pensare in modo creativo, e le nostre scoperte forniscono alcune prove su come questo venga fatto nel cervello».

(ANSA)

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci

#ilpapaverorossosocial

Seguici su