La casa del futuro: energia zero e rispetto per l'ambiente

Visualizzazioni:
520
20/01/2018 - 07:54

Debutta la casa del futuro che produce energia in modo autonomo e regola da sola le temperature interne in base a quelle esterne, anche grazie ai materiali con cui è costruita. Si chiama nZEB (nearly Zero Energy Building), ha un consumo di energia quasi zero, ed è stata inaugurata a Benevento.

Con una superficie di circa 70 metri quadrati, la casa è stata progettata sotto la guida di Giuseppe Peter Vanoli, dell'Università degli Studi del Sannio, e nasce come dimostratore in scala reale del progetto di ricerca Smart Case del Distretto Tecnologico per le Costruzioni Sostenibili Stress. Costata circa 180.000 euro, ad eccezione dei sensori applicati a scopo di ricerca, è stata costruita con i fondi del Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività” (PON “R&C”) del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca.

«La casa nZEB ha le caratteristiche che tutti i nuovi edifici privati dovranno avere in Italia, a partire dal 31 dicembre 2020», ha rilevato Ennio Rubino, presidente del Distretto Stress. Cioè è costruita con materiali rispettosi dell'ambiente, che garantiscono anche l'isolamento termico sia d'inverno che d'estate, e ha infissi ad alte prestazioni. Produce inoltre da sola tutta l'energia elettrica di cui ha bisogno grazie ai pannelli fotovoltaici ed è dotata di un sistema geotermico per il riscaldamento.

Non poteva mancare la domotica, con sistemi hi-tech per rendere la casa più confortevole. «Gli elettrodomestici, ad esempio, comunicano agli abitanti della casa i dati sul loro consumo», ha detto Vanoli. Un sistema di sensori «permette di controllare la concentrazione di inquinanti interni, come la CO2, e in base a questi dati la casa regola l'impianto di aerazione». Il cuore hi-tech della casa è una centralina collegata a un tablet che permette, anche a distanza, di chiudere o aprire le serrature e di gestire gli impianti di climatizzazione e illuminazione.

(ANSA)

 

clicca e scopri come sostenerci

Aggiungi un commento