LEGO lancia i mattoncini per imparare il Braille

Numero di accessi

230
08/05/2019 - 13:00

LEGO Foundation e LEGO Group lo scorso 24 aprile hanno annunciato il loro sostegno a un progetto pioneristico che aiuterà i bambini ciechi e ipovedenti ad imparare il Braille in modo giocoso e coinvolgente utilizzando mattoncini LEGO personalizzati Braille. Il progetto, LEGO Braille Bricks, è stato presentato alla Sustainable Brands Conference di Parigi, in Francia.

L'idea alla base di LEGO Braille Bricks è stata proposta per la prima volta alla Fondazione LEGO nel 2011 dall'Istituto Danese per i Ciechi e gli Ipovedenti e ancora nel 2017 dalla Fondazione Dorina Nowill per i Ciechi (Brasile). Il progetto è stato sviluppato e perfezionato grazie alla collaborazione delle associazioni ciechi di Danimarca, Brasile, Regno Unito e Norvegia ed è proprio in questi paesi che si stanno testando i primi prototipi di questi speciali mattoncini (altri test verranno effettuati, a partire dal terzo trimestre del 2019, in Germania, Francia e Spagna).

«Con l’attuale disponibilità di migliaia di audiolibri e programmi per computer, un minor numero di bambini sta imparando a leggere il Braille. Questo fatto non è molto positivo, dato che sappiamo sappiamo che gli utenti Braille sono spesso più indipendenti, hanno un livello di istruzione superiore e migliori opportunità di lavoro. Crediamo fortemente che LEGO Braille Bricks possa contribuire ad aumentare l’interesse nei confronti dell'apprendimento del Braille, quindi siamo entusiasti che la Fondazione LEGO abbia deciso di dedicarsi a questo progetto e di portarlo ai bambini di tutto il mondo», ha detto Philippe Chazal, tesoriere dell'Unione Europea Ciechi.

Il mattoncino sarà perfettamente compatibile con quelli tradizionali ed avrà sulla sua superficie i classici pallini del Braille (massimo sei su una matrice 3 x 2) che in base alla loro disposizione rappresenteranno una data lettera, un numero o un simbolo matematico.

Per garantire che lo strumento sia inclusivo, permettendo agli insegnanti vedenti, agli studenti e ai membri della famiglia di interagire a parità di condizioni, ogni mattone avrà anche stampato il carattere che rappresenta. Questa geniale combinazione offre un approccio completamente nuovo ai bambini ciechi e ipovedenti interessati all'apprendimento del Braille, consentendo loro di sviluppare una vasta gamma di abilità che potranno tornare utili nella vita di tutti i giorni.

Questi set LEGO saranno probabilmente lanciati nel 2020 e distribuiti gratuitamente alle famiglie di bambini non vedenti e alle istituzioni che se ne occupano.

Ogni confezione dovrebbe contenere circa 250 mattoncini con le lettere dell’alfabeto, i numeri, i segni di punteggiatura e altri simboli necessari per l’insegnamento e i giochi interattivi.

«I bambini ciechi e ipovedenti hanno sogni e aspirazioni per il loro futuro come i loro coetanei. Hanno lo stesso desiderio e bisogno di esplorare il mondo e socializzare attraverso il gioco, ma spesso affrontano l'isolamento involontario come conseguenza dell'esclusione dalle attività. Noi crediamo che i piccoli imparino meglio attraverso il gioco e non vediamo l’ora di vedere l’impatto positivo che questa iniziativa avrà sulle loro esistenze», ha concluso John Goodwin, CEO della Fondazione LEGO.

 

Note a margine

- L'OMS stima che a livello globale 19 milioni di bambini siano ipovedenti. Di questi circa 1,4 milioni hanno cecità irreversibile.

- Circa il 75% degli adulti europei con disabilità visiva è disoccupato. Considerando l'intero gruppo di persone con disabilità in Europa, la percentuale di disoccupati si ferma al 53%. La disoccupazione è strettamente legata alla discriminazione, alla povertà e all'esclusione sociale (fonte: European Disability Forum e European Blind Union).

- Negli Stati Uniti solo il 10% dei bambini ciechi sta imparando a leggere il Braille. Negli anni ’50, invece, la percentuale superava il 50%. Tuttavia, recenti indagini parlano di una lieve inversione di tendenza e di un pubblico che riacquista fiducia nell'importanza dell'apprendimento del Braille.

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci

#ilpapaverorossosocial

Seguici su