Covid-19: se dato ad inizio infezione, il plasma riduce notevolmente i rischi

Autore:
Redazione
15/01/2021 - 04:11

Se somministrato nei primi giorni dell'infezione, il plasma da convalescente può ridurre il rischio di avere il Covid-19 in forma grave.

Lo afferma uno studio argentino pubblicato dal New England Journal of Medicine, secondo cui la terapia ha la massima efficacia se somministrata entro tre giorni dalla diagnosi e se il paziente non ha ancora nessun sintomo.

Per questo lavoro sono stati reclutati 160 pazienti sopra i 65 anni, metà dei quali ha ricevuto il plasma e l'altra metà il placebo, tutti al massimo tre giorni dopo la diagnosi. Nel gruppo trattato il rischio di malattia grave è diminuito del 48%.

«Dare il plasma troppo tardi è come permettere a un ladro di saccheggiare una casa per ore prima di chiamare la polizia. Mentre una somministrazione precoce può limitare l'infezione quando è ancora sul nascere», spiega al New York Times l'autore principale della ricerca, Fernando Polack.

Questo è uno dei primi studi a trovare un beneficio nell'uso del plasma iperimmune, ricco di anticorpi contro il virus, una delle prime terapie tentate contro il Covid-19. Sulla stessa rivista circa un mese fa un altro lavoro aveva, invece, escluso vantaggi per i pazienti gravi dalla terapia, che non aveva ridotto né il tempo di ricovero né la mortalità.

(Fonte: ANSA - Foto di copertina: Pixabay).

 

Leggi anche i seguenti articoli

www.ilpapaverorossoweb.it/article/covid-19-donare-il-plasma-salvare-vite-umane-la-sicilia-risponde-presente

www.ilpapaverorossoweb.it/article/plasma-iperimmune-dubbi-su-efficacia-pazienti-covid-con-polmonite-grave

www.ilpapaverorossoweb.it/article/coronavirus-la-speranza-è-nel-plasma-e-negli-anticorpi-monoclonali

www.ilpapaverorossoweb.it/article/terapia-con-il-plasma-iperimmune-trovata-la-cura-contro-il-covid-19

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci