Indossi jeans e maglietta? Consumi 13.000 litri di acqua!

04/01/2020 - 01:32

Una maglietta per essere prodotta richiede mediamente 2.700 litri d'acqua, mentre per un paio di jeans si sfiorano i 10.000 litri, utilizzando soprattutto fibre e coloranti di sintesi.

Lo fa sapere l'associazione Donne in Campo della Confederazione Italiana Agricoltori (CIA), ricordando che l'industria tessile è la seconda più inquinante al mondo, responsabile del 20% dello spreco globale di acqua e del 10% delle emissioni di anidride carbonica.

Considerato che il consumo mondiale di indumenti è destinato a crescere di oltre il 60% entro il 2030, l'associazione femminile rileva le enormi potenzialità che potrebbe avere una filiera del tessile ecologicamente orientata, arrivando a rappresentare il 15-20% del fatturato del settore in Italia (4,2 miliardi di euro). D'altra parte, è proprio l'ONU con l'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile a sollecitare la costruzione di nuovi sistemi di produzione a minore impatto ambientale; un percorso dal doppio risvolto positivo: nei processi di riduzione dell'inquinamento e nel riciclo delle risorse e nella mitigazione dei cambiamenti climatici.

«La sostenibilità - precisa la presidente dell'associazione, Pina Terenzi - deve permeare tutto il business del tessile che, come gli altri settori, è chiamato a riformare se stesso». E quindi via libera a metodi di produzione salva-ambiente con l'uso di tinture che sprecano meno acqua o l'utilizzo di rifiuti come materia prima. «L'agricoltura dimostra di essere in prima linea in questo processo di cambiamento - conclude - con le donne promotrici di un nuovo modo di vivere la moda nel rispetto del Pianeta».

(ANSA)

 

Potete leggere anche i seguenti articoli

www.ilpapaverorossoweb.it/article/jeans-pulito-ad-amsterdam-la-rivoluzione-sostenibile-della-house-denim

www.ilpapaverorossoweb.it/article/eco-tessuti-e-tinte-da-scarti-agricoli-il-green-fa-tendenza

www.ilpapaverorossoweb.it/article/maglie-e-felpe-da-bottiglie-di-plastica

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci