Aumentano in Italia le infezioni da batteri resistenti

Visualizzazioni:
511
07/08/2017 - 09:26

Aumentano in Italia i casi di persone colpite da batteri resistenti agli antibiotici: tra l'1 aprile 2013 e il 31 luglio 2016 ne sono stati segnalati 5.331, con un andamento crescente. Tra l'1 gennaio e il 31 luglio 2015 sono stati infatti 1.059 e 1.183 nello stesso periodo del 2016.

Lo segnala il Rapporto ISTISAN "Sorveglianza nazionale delle batteriemie da enterobatteri produttori di carbapenemasi" dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS). Quelle rilevate sono le batteriemie, cioè la presenza di batteri nel sangue. In questo caso i dati si riferiscono agli enterobatteri resistenti ai carbapenemi (cioè gli antibiotici usati per le infezioni resistenti) e/o produttori di carbapenemasi.

Il numero di segnalazioni e l'incidenza sono risultate molto diverse nelle varie regioni, dove si passa dalle 946 segnalazioni del Lazio allo 0 del Molise. La maggior parte dei casi è stata riportata nelle regioni del Nord Italia (2.758 casi, 51,7%), seguite da quelle del Centro (1.364 casi, 25,8%), Sud (761 casi, 14,1%) e Isole (448 casi, 8,4%).

Le province che più hanno segnalato sono state Roma (17,2%), Genova (7,9%), Torino (6,7%), Milano (5,9%), Bari (5,1%), Bologna (4,9%) e Palermo (4,5%), mentre i pazienti più colpiti sono stati quelli di sesso maschile (62%), con un'età media di 65,4 anni.

Nell'84% dei casi i pazienti si trovavano in ospedale al momento in cui sono comparsi i sintomi, soprattutto nei reparti di terapia intensiva (39,6%), medicina generale (12,6%) e chirurgia (10,2%).

(ANSA)

 

clicca e scopri come sostenerci

Aggiungi un commento