Etna: flora e fauna di uno dei luoghi più belli del mondo

12/10/2019 - 05:19

«Etna fumoso, colonna del cielo, perenne nutrice di fulgida neve, tra le cui latebre rigghiano fonti purissime d’orrido fuoco». Con questi versi Pindaro, nel V secolo a.C., esprimeva la sua ammirazione ed il suo profondo rispetto per l’Etna; straordinaria meta turistica adatta per ogni stagione, sia che decidiate di visitare il vulcano d’estate per andare a rilassarvi in montagna, lontano dal caldo torrido, sia che vogliate passare una giornata invernale sulla neve.

L’Etna non affascina solo per la grandiosità delle sue eruzioni e per le colate di lava incandescente, ma anche per l’ambiente indescrivibile a parole, ricco di profumi, sapori e colori.

Il rapporto tra i catanesi ed il vulcano è un legame speciale... una sorta d’amore che non deriva solo dal piacere di rivedere, ogni giorno, la maestosità del vulcano. Quando si parla ad un catanese dell’Etna si nota, sin da subito, la sua espressione cambiare, con gli occhi immediatamente trasportati davanti “a Muntagna”, “U Mungibeddu”.

L’area vulcanica è estremamente fertile, dal momento che la lava, depositandosi sul suolo, col passar del tempo rilascia molte sostanze nutritive come sali minerali. I detriti delle piante che la lava sommerge diventano, invece, concimi naturali per il terreno. Immaginiamo, allora, di compiere un viaggio virtuale alla scoperta della flora e della fauna del maestoso Etna.

La flora è ricca, varia e diversamente distribuita in relazione all’altitudine e all’esposizione dei versanti. Per conoscerla al meglio, è possibile suddividere idealmente il vulcano in tre sezioni: il piano mediterraneo basale, il piano montano mediterraneo, il piano alto mediterraneo, ossia la parte sommitale dell’Etna.

PIANO MEDITERRANEO BASALE In questo piano di vegetazione si trovano moltissime entità vegetali correlate all'influenza dell'uomo: il paesaggio è sostanzialmente dominato da agrumeti, vigneti, oliveti, mandorleti, pistacchieti e alberi da frutto. Ma anche questa fascia ospita numerose ed importanti specie naturali, in funzione della maggiore o minore distanza dal mare, dei substrati, delle quote, dei versanti.

Euforbia arborea (che rappresenta un'associazione vegetale dalla caratteristica nota di colore tipica della macchia mediterranea). Leccio (Quercus Ilex), unica specie di quercia sempreverde sull'Etna. Ginestra dell’Etna (Genista Aetnensis). Carpino nero (Ostria Carpinifolia). Alloro (Laurus Nobilis). Bagolaro (Celtis Australis). Bagolaro dell'Etna (Celtis Tournefortii). Terebinto (Pistacia Terebinthus), specie alto-arbustiva dalla intricata chioma a tinte rossastre. Euforbia cespugliosa (Euphorbia Characias). Quercus Virgiliana, Quercus Congesta e Quercus Cerris (cerro) fanno parte di quel gruppo di querce caducifoglie di diversa distribuzione sul territorio etneo.

PIANO MONTANO MEDITERRANEO Qui si spingono in gruppi o elementi isolati il pino laricio, il faggio e la betulla, che risultano spesso sparsi o in forme nane e contorte fino a cedere il posto alla vegetazione a pulvino più adatta alle ostilità del clima montano. Il principale dominatore dei pulvini spinosi disseminati lungo i versanti del vulcano è l’astragalo. L’Astragalus Siculus Endemica Etnea ha un ruolo importantissimo nella difesa delle ripide pendici del vulcano, reso mobile dal materiale incoerente che lo costituisce, come per esempio le ceneri e le leggere scorie. L’astragalo presenta un robusto apparato radicale su cui crescono pulvini spinosi alti dai 30 ai 50 centimetri, con un diametro di 1-2 metri. La sua capacità di trattenere e fissare il suolo permette la crescita di numerose e delicate piantine tra cui: il cerastio (Cerastium Tomentosum), la viola (Viola Aethnensis), la camomilla dell’Etna (Anthemis Aetnensis), il senecio (Senecio Squalidus varietà Aetnensis), il tanaceto (Tanacetum Siculum), la seriola taraxacoides (Robertia Taraxacoides), l’elicriso (Helicrisum Italicum). Associata all’astragalo troviamo la Saponaria Sicula e il caglio dell’Etna (Galium Aetnicum).

PIANO ALTO MEDITERRANEO Questo piano, posto tra il limite della vegetazione arborea e i 2.400 metri circa, costituisce il più significativo ed espressivo paesaggio della parte altomontana dell'Etna. L'astragalo o spino santo (Astragulus Siculus) conferisce una nota dominante a questo particolare ambiente, che cambia aspetto secondo la quota, l'esposizione, la natura e il substrato. L'astragaleto si può presentare sotto varie forme e con l'associazione di altre specie tipiche di questo piano: crespino (Berberis Aetnensis), ginepro meridionale (Junipherus Hemisfaerica), ginestra dell'Etna (Genista Aetnensis). Molte specie endemiche vivono in associazione con l'astragalo: viola dell'Etna (Viola Aetnensis) e cerastio minore (Cerastium Minus).

Tra le sabbie ed i lapilli trovano posto i caratteristici cuscinetti della saponaria (Saponaria Sicula) dagli eleganti fiori rosei, o i rossi cespi della romice dell'Etna (Rumex Aetnensis). Oltre i 2.400 metri solo radi popolamenti di romice e di senecio riescono a vivere, resistendo al freddo invernale ed alla estrema siccità estiva.

Discorso a sé meritano i funghi dell’area etnea, le cui denominazioni coincidono con quelle in uso in tutta la Sicilia orientale. I gustosi porcini (Boletus di varie specie commestibili) diventano i lardara; i chiodini i funci di cerza; l’ovolo buono è il funciu d’ovu; i pineroli funci di zappinu. Le mazze di tamburo i funci cappiddini; i sanguinacci i russeddi; i galletti i cricchi di iaddu, i funghi di ferla i funci ‘i ferra. Ed i funghi velenosi come l’Amanita Muscaria o l’Amanita Pantherina? Diventano i funci ‘i cani!

La fauna dell’Etna venne descritta nell’800 da Giuseppe Antonio Galvagni. Da allora le cose, per gli animali, non sono andate per il meglio. Le specie all’epoca rare sono scomparse, altre ancora si sono aggiunte al loro numero (tra esse il Gufo Reale) e molte sono entrate a far parte di quelle rare. La caccia spietata, il taglio dei boschi, l’uso dei pesticidi e il sempre maggior disturbo creato da un turismo aggressivo e devastatore, che ha portato case, strade e mezzi motorizzati in ambienti prima incontaminati, sono stati i fattori recenti che hanno causato una ulteriore rarefazione della fauna.

Buona parte delle specie di rettili presenti in Sicilia si trovano anche sull’Etna. La testuggine comune si trova in diversi ambienti ricchi di vegetazione, con preferenza per quelli piuttosto umidi. Si nutre di erbe, radici, frutti ed anche d’insetti, molluschi ed altri invertebrati.

Lacertidi: il ramarro, la lucertola campestre e il gongilo conosciuto come tiraciatu. Tali rettili si incontrano con facilità, specialmente la lucertola campestre sui muri a secco e nelle rocce che costituiscono le colate laviche.

Serpenti: il biacco, il colubro leopardiano, il saettone, la biscia dal collare e la vipera comune, unico serpente velenoso, che comunque attacca raramente e preda piccoli mammiferi (soprattutto roditori) ed anche lucertole e uccelli.

Gli anfibi necessitano per riprodursi di un ambiente acquatico e nell’area etnea sono presenti solo nella zona pedemontana. La specie più diffusa è la rana verde minore. Tipicamente acquatica popola gli stagni e i corsi d’acqua. Il rospo comune è specie più terricola. Gli adulti trascorrono il giorno in tane scavate nel terreno o sotto le pietre. Hanno attività prevalentemente notturne e possono predare anche piccoli vertebrati come lucertole, roditori ed insettivori. Meno frequente è il rospo smeraldino, esso è più piccolo del rospo comune ma con simili caratteristiche.

Uccelli: le specie volatili sono davvero numerose, molte di esse sono tutelate. Troviamo lo sparviero, la poiana, il gheppio, il falco pellegrino, l’aquila reale. Tra i rapaci notturni presenti anche nelle aree urbane: il barbagianni e l’assiolo; infine, troviamo l’allocco e il gufo comune presente solo sull’Etna e non nelle restanti aree dell’isola.

Come altre specie sono presenti: il colombaccio, il picchio rosso maggiore, il pettirosso, il fiorrancino, il codibugnolo di Sicilia, la cinciarella, il picchio muratore, il rampichino, il rigogolo, la ghiandaia, la gazza, la cornacchia grigia, l’usignolo, la capinera, la coturnice, il passero solitario, l’airone cenerino (Lago Gurrida), il merlo, il verzellino, la passera sarda, il codirosso e due specie che nidificano solo sull’Etna, il crociere e il lucherino.

Mammiferi: quelli che oggi vivono sull'Etna comprendono soltanto specie di piccola e media taglia, per lo più attive all'imbrunire o di notte e non legate a quote particolari. Tra i mammiferi troviamo la volpe, che è presente soprattutto nei boschi, alcuni esempi di gatti selvatici e ghiri nelle foreste di latifoglie, la donnola molto diffusa nelle pianure, martore nei boschi di conifere, scoiattoli nei castagneti e boschetti di querce, istrici in zone rocciose fino a 1.300 metri, lepri, conigli selvatici presenti in gran numero in cespugli e boschi di conifere estendendosi fino ai limiti della vegetazione.

Insettivori: il mustiolo e la crocidura sicula (entrambi toporagni), il riccio.

Roditori: il ghiro, il quercino, il ratto nero, il topolino delle case, il topo selvatico e l’istrice.

Carnivori: la volpe, spesso presente nei centri urbani e nelle strutture turistiche maggiormente frequentate. La donnola presente specialmente nei dintorni delle aree coltivate. Il gatto selvatico, pur essendo piuttosto diffuso, risulta essere difficilmente osservabile, per via del suo carattere riservato e delle sue abitudini notturne.

Lagomorfi: il coniglio e la lepre, visibili sia negli spazi verdi che nei dintorni dei centri urbani.

Chirotteri: il rinolofo maggiore e rinolofo minore, l’orecchione, il pipistrello albolimbato, il vespertillo maggiore, la nottola e il miniottero.

Un animale caratteristico del vulcano da secoli presente in Sicilia, grande compagno dell’uomo e specialmente dei cacciatori, è il Cirneco dell’Etna, cane dalle orecchie dritte e larghe alla base, dal portamento snello e slanciato con zampe lunghe ed agili che gli permettono di raggiungere i 45 km/h (questo lo rende un vero e proprio maestro nella ricerca di lepri e conigli). È oltretutto munito di robuste dita a cuscinetti che lo rendono unico nel camminare facilmente fra le rocce vulcaniche.

Gli invertebrati sono importantissimi e svolgono una funzione essenziale per l’ecosistema. Numerose sono le specie di farfalle che popolano le pendici dell’Etna, fra esse ricordiamo una farfalla endemica siciliana chiamata l’Aurora dell’Etna (Anthocharis Damone). Fra gli invertebrati più importanti troviamo un coleottero presente solo nella Pineta Ragabo dell’Etna chiamato Ergates Faber.

La natura sa come ammaliarci, sorprenderci, incantarci e l’Etna è, di sicuro, uno dei luoghi più magici e suggestivi del pianeta; il più grandioso vulcano attivo d’Europa.

Dunque, una presenza inquietante e spaventosa, ma al contempo affascinante, leggendaria, trionfale, solenne che, visibile da buona parte dell’isola, sovrasta l’intera provincia catanese.

 

Per approfondire

www.ilpapaverorossoweb.it/article/etna-raccontare-la-“muntagna”-tra-meraviglia-e-terrore

www.ilpapaverorossoweb.it/article/ingv-afferma-“radon-dalle-faglie-delletna-pericoloso-la-salute”

www.ilpapaverorossoweb.it/gallery/meravigliosa-etna

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci