Il pianoforte dell'Ospedale di Biella

16/11/2015 - 12:59
Paola Matera alla voce con il pianista Andrea Cavallo_2
Paola Matera alla voce con il pianista Andrea Cavallo_2

Piemonte - La musica sensibilizza l'animo umano. E' un mezzo di comunicazione non verbale universalmente considerato efficace a livello educativo e terapeutico, ma non sempre alla teoria segue la pratica. La direzione del nuovo ospedale dell'Azienda sanitaria di Biella, invece, il messaggio l'ha recepito, tanto che da qualche tempo, esattamente dallo scorso ottobre, nell'atrio della struttura ha posizionato un pianoforte.

pianoforte ospedale biella

"Per le tue dita - si legge in una nota sistemata accanto alla tastiera - Ti do il benvenuto, qui, in Ospedale. Siediti davanti a me: suonami o strimpellami... raccontiamo insieme una storia nuova". Il messaggio invita, chi lo desidera, a donare bellezza e gioia attraverso le note musicali. "Da giorni passo accanto al pianoforte - commenta Rita, incontrata alla tastiera - Non sapevo dell'iniziativa e la trovo stupenda. Sono pianista per diletto personale. L'idea del piano mi ha subito affascinata. Anche se mi esibisco raramente in pubblico, alla fine ho deciso di sedermi; suonare ha sciolto, per qualche istante, la tensione che mi porto addosso e chissà, magari, ho fatto del bene anche ad altri". La posa del pianoforte rientra nell’ambito dell’iniziativa “Musica circolare”, promossa dalla Struttura Formazione e Comunicazione dell’Asl biellese ed è realizzata con la collaborazione del personale sanitario, in particolare, di Paola Matera, medico della Medicina semintensiva. "Ho attraversato i corridoi dell'Ospedale per fare visita alla nonna ricoverata - spiega Alessandro, musicista di professione - Ho dovuto, mio malgrado, confrontarmi con la realtà di chi in una struttura sanitaria deve passarci un po' di tempo e, quando ho visto il pianoforte, ho sentito di poter contribuire in qualche modo. Ho donato anch'io un po' di musica".  Il progetto, come si legge in una nota diffusa dall'Asl medesima, ricalca esperienze che già hanno luogo a livello internazionale e che recentemente si stanno diffondendo in Italia. L’obiettivo è di rendere più accoglienti e partecipati i luoghi pubblici, facendo sì che siano proprio i passanti ad avere la possibilità di suonare, a beneficio di chi si trova in quel momento nello stesso luogo, condividendo, oltre all’esperienza musicale, anche le proprie emozioni. "Ogni casa di cura dovrebbe dotarsi di un pianoforte o di un altro strumento. La musica "può fare soltanto del bene - aggiunge Teresa, insegnante in pensione -. Mi sono seduta al pianoforte pensando ai miei allievi, ormai grandi. Spesso menzionavo l'importanza di saper ascoltare. La musica stimola l'ascolto".

pianoforte ospedale biella

L'iniziativa è in fase sperimentale. Il pianoforte rimarrà a disposizione dell'Azienda ospedaliera piemontese fino ad inizio gennaio. Vincenzo Alastra, direttore della struttura Formazione e Comunicazione, spiega: "L'idea del pianoforte nasce dal desidero di fare in modo che l'Ospedale sia vicino ai bisogni delle persone - dice - Essendo un luogo particolare, triste, cerchiamo di migliorare la vita di chi lo frequenta. Oltre al pianoforte, abbiamo allestito tre postazione per favorire lo scambio di libri, il bookcrossing. Stiamo inoltre favorendo la lettura ad alta voce di brani brevi nei reparti di pediatria, geriatria, fisiatria e psichiatria. Lavoriamo anche con gli studenti, i quali, oltre ad avvicinarsi alla lettura, hanno modo di fare pratica. L'attività è coordinata da un'associazione di volontariato. Sono tutte iniziative piccole, ma simboliche e utili nel perseguire il nostro obiettivo. E' importante sostenere la componente umana attraverso la musica e l'arte, per aumentare la sensibilità e l'ascolto. Ci sono episodi curiosi a cui ho assistito - conclude -, come quello di una signora con un bimbo che si è avvicinata al piano e ha fatto sentire al suo piccolo il suono di alcuni tasti, oppure di un altro bambino che, sempre seduto al piano, eseguiva i suoi esercizi con la scala delle note. Tra l'altro, con questo progetto, abbiamo scoperto che tanti medici suonano il piano e potrebbero alternarsi alla tastiera".

Nelle foto il pianoforte dell'Ospedale di Biella e Paola Matera alla voce con il pianista Andrea Cavallo

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci