Millennials vittime dell'effetto selfie, distorce i tratti

21/05/2019 - 13:00

Ragazze nate con il cellulare in mano, che scattano selfie quotidianamente, si osservano sulle foto e poi vanno dall'esperto per chiedere di correggere difetti inesistenti. La digital revolution ha cambiato la percezione di se stessi, soprattutto tra le giovani millennials, generando un rapporto conflittuale con la propria immagine.

A studiare l'impatto di questo fenomeno sulla medicina estetica è stato il 40° Congresso della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME), che si è svolto nei giorni scorsi a Roma.

«Alcune pazienti arrivano dal medico - spiega il presidente della SIME, Emanuele Bartoletti - per chiedere di correggere inestetismi inesistenti che si sono viste in un selfie scattato con un'inquadratura improbabile e con una prospettiva che distorce i tratti, ma che in realtà non esiste affatto. Come medici estetici ci troviamo a dover spiegare che il difetto che ci viene mostrato in una foto non sempre va corretto perché normalmente chi ci vede lo fa in posizione frontale».

Altro problema sono le appbellezza” che, camuffando ogni difetto (vero o presunto che sia), mirano a far diventare la protagonista di una data immagine una star di Hollywood. «Sempre più spesso - prosegue l'esperto - abbiamo giovani pazienti che ci chiedono poi di diventare come appaiono attraverso questi filtri».

Al tempo dei social, un altro rischio è rappresentato dai medici che usano il web in modo spregiudicato per promuoversi.

«Esistono colleghi che avviano molto rapidamente la propria carriera attraverso i social network - avverte Bartoletti - ma bisogna ricordare che fare la gavetta è molto importante nel nostro mestiere, perché sono soprattutto l'esperienza e la pratica ad affinare tecnica e conoscenze».

(ANSA)

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci