Niente footing se si hanno problemi di schiena, nell'80% dei casi si rischia ernia

Visualizzazioni:
1278
14/05/2018 - 07:13

Sì al footing su strada e in pianura, ma non se si soffre di problemi alla schiena.

È l'avvertimento per chi non rinuncia alla corsa pur di restare in allenamento o perdere qualche chilo di troppo: se la colonna vertebrale è malata ed esiste già un principio di degenerazione discale, fare footing può essere deleterio e causare l'insorgenza di nuove patologie. «Per chi ha problemi alla colonna e i dischi degenerati il rischio continuando a correre è molto alto: nell'80% dei casi da lì a breve l'evoluzione sarà estremamente negativa», spiega Pier Vittorio Nardi, presidente del CISMER, Associazione di Chirurgia Italiana Spinale Mini-invasiva e Robotica e responsabile della Chirurgia Vertebrale dell'Ospedale Cristo Re di Roma.

«La corsa in via generale è sconsigliata per i soggetti più avanti negli anni, sopra i 55-60 anni, e per tutti coloro che presentano dischi già degenerati. In questi casi - spiega l'esperto - è preferibile camminare con passo veloce. Battere i talloni ha, infatti, ripercussioni soprattutto sull'ultimo spazio intervertebrale L5-S1 e più si corre più il disco va in sollecitazione: aumenta lo scarico sull'ultimo disco lombare che quindi continua a degenerare in modo più rapido. La degenerazione discale è l'anticamera di tutte le patologie della colonna, ernia del disco, sovraccarico delle faccette, infiammazioni, con lombalgie e sciatalgie. Per tutti gli altri, invece, non ci sono problemi, ma è necessario fare attenzione e correre in modo corretto».

Ecco allora le indicazioni del presidente del CISMER per fare footing evitando rischi alla schiena:

1) Esame baropodometrico: è innanzitutto importante la postura, tutto quello che sta sotto la colonna fa parte continuativa della biomeccanica di colonna, per cui se si trascurano le impostazioni posturali nel camminare o nel correre si può incorrere in alterazioni della colonna stessa. È consigliabile quindi un esame baropodometrico per controllare la postura dei piedi e correggerla eventualmente con l'utilizzo di solette.

2) Scarpe da corsa: indossare sempre scarpe molto comode e adatte alla corsa, non va bene una qualsiasi scarpa da ginnastica.

3) Correre in pianura: preferire la corsa su superfici pianeggianti rispetto a salite e discese e cercare di evitare, almeno agli inizi, saliscendi e pendenze. Correre in piano è molto più efficace che non correre in salita o in discesa.

4) Sì ad asfalto e prato: l'ideale sarebbe correre su terreni rigidi ma ammortizzanti, come ad esempio il tartan, materiale impiegato per le piste di atletica leggera. È chiaro che questo è molto difficile quindi va bene fare footing anche sull'asfalto o sul prato.

5) No alla sabbia: benissimo correre al mare ma non sulla sabbia, la superficie della corsa deve essere rigida.

6) Aria aperta: è meglio la corsa all'aperto che non in palestra. Per questo piste ciclabili, asfalto e prato sono comunque preferibili al tapis roulant.

7) Allenamento: mai correre senza essere allenati. Bisogna farlo gradatamente e ricordarsi sempre che la corsa è uno sport a tutti gli effetti e non incide solo sulla colonna ma anche sull'aspetto cardiocircolatorio. Correre fa molto bene al sistema cardiocircolatorio perché abbassa la pressione e riduce la frequenza cardiaca ma bisogna farlo in preparazione.

8) Tempi: la valutazione di quanto e come si corre è legata assolutamente a condizioni specifiche del soggetto rispetto alla sua struttura cardiocircolatoria o a eventuali degenerazioni discali. Non c'è una quantità di tempo idonea per tutti, per ciascuno va fatta un'indagine globale, in base a età, sesso, peso, condizioni fisiche. Si può correre tutti i giorni, quindici minuti o un'ora, dipende da quanto lo consente il proprio fisico.

9) Esame cardiologico e posturologico: prima di andare a correre sottoporsi a una visita cardiologica e a un controllo posturologico. La corsa è al pari di tutti gli altri uno sport che richiede una qualificazione sia a livello amatoriale che agonistico. Non è difficile riscontrare un quarantenne con una tachicardia di base già latente, come non è detto che a cinquant’anni non si possa correre la maratona. Però bisogna conoscere le proprie condizioni fisiche e sapere come impostare l'allenamento.

10) Sovrappeso: anche il peso incide sulla schiena durante la corsa. Per le persone in sovrappeso è consigliabile camminare a passo veloce magari facendo qualche chilometro in più. Si può anche correre ma con le dovute accortezze, se sovraccarico troppo c'è il rischio di ripercussioni sulle ginocchia o sulla colonna. È sempre e comunque necessaria l'assistenza da parte di un medico.

(ANSA)

 

clicca e scopri come sostenerci

Aggiungi un commento