Da due a quattro uova a settimana difendono la vista da grave malattia

Numero di accessi

177
12/04/2019 - 08:04

Mangiare dalle due alle quattro uova a settimana potrebbe proteggere la vista da una grave malattia molto diffusa in età anziana, la maculopatia legata all'età.

Infatti, una ricerca pubblicata sulla rivista Clinical Nutrition mostra che un consumo regolare di uova è associato a considerevole riduzione del rischio di questa malattia che colpisce il centro della retina (macula) e può portare a ipovisione e cecità: per chi mangia due-quattro uova a settimana il rischio, rispetto a chi consuma meno di un uovo a settimana, è praticamente dimezzato, ovvero il 49% in meno.

«Un altro importante messaggio che deriva da questo studio è che per chi mangia due-quattro uova a settimana il rischio di sviluppare la forma cosiddetta umida di maculopatia è ridotto del 62% rispetto a chi consuma meno di un uovo a settimana», dichiara l'autore del lavoro, Bamini Gopinath, docente di epidemiologia presso il Westmead Institute for Medical Research in Australia.

La ricerca è uno studio longitudinale che ha coinvolto 3.654 individui di età superiore a 49 anni, il cui stato di salute è stato monitorato per un periodo di 15 anni. Nel corso del tempo oltre 2.000 partecipanti hanno ricevuto una diagnosi di degenerazione maculare senile. Tutti i partecipanti hanno compilato questionari alimentari per stabilire frequenza e quantità del consumo di uova.

Gli esperti non solo hanno visto che un consumo di due-quattro uova a settimana quasi dimezza il rischio di ammalarsi rispetto a un consumo di meno di un uovo ogni sette giorni, ma anche che, per chi soffre già di maculopatia, mangiare due-quattro o cinque-sei uova/settimana si associa a un rischio ridotto rispettivamente del 54% e del 65% di progressione della malattia in fase avanzata.

Il segreto delle uova è che sono una fonte naturale di due antiossidanti fondamentali per la salute retinica, luteina e zeaxantina.

(ANSA)

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci

#ilpapaverorossosocial

Seguici su