Disturbi depressivi "consumano" la memoria nell'anziano

Visualizzazioni:
153
15/05/2018 - 07:20

I disturbi depressivi erodono la memoria e sono legati a invecchiamento cerebrale, con perdita di volume del cervello e presenza di microlesioni vascolari, almeno nella popolazione anziana. Lo indica uno studio che, pubblicato sulla rivista Neurology e condotto presso l'Università di Miami, ha coinvolto oltre un migliaio di individui di età media di settantuno anni.

La depressione è molto comune in età avanzata e può arrivare a colpire anche un anziano su quattro, quindi l'esistenza di un legame tra disturbi depressivi e problemi di memoria potrebbe avere ricadute importanti sulle capacità mnemoniche degli individui anziani.

Durante la ricerca il campione è stato visitato due volte nell'arco di circa cinque anni, sottoposto a risonanza del cervello, test di memoria e valutazione del quadro depressivo.

È emerso che chi presentava sintomi depressivi aveva anche minori performance di memoria cosiddettaepisodica”, ovvero quella che ci permette di ricordare esperienze vissute nel passato o eventi. Si è visto anche che chi manifestava disturbi depressivi (anche senza avere una diagnosi di depressione clinica) presentava anche riduzione di volume cerebrale e anche microlesioni vascolari.

Secondo gli autori del lavoro la depressione può compromettere la memoria proprio favorendo l'insorgenza di queste microlesioni.

(ANSA)

 

clicca e scopri come sostenerci

Aggiungi un commento