Estate: da tetano a tigna, cinque infezioni trasmesse da animali

Visualizzazioni:
283
08/08/2018 - 07:51

Morsi e graffi di animali come cani, gatti, volpi, pipistrelli, topi e scimmie possono causare infezioni dalle conseguenze anche gravi. Un pericolo che aumenta in estate, soprattutto se si viaggia in paesi lontani, e che riguarda soprattutto i più piccoli, meno consapevoli dei rischi.

A mettere in guardia è WAidid, l'Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici, con una guida per riconoscere e curare malattie come rabbia, tetano e scabbia.

La RABBIA è diffusa in tutto il globo e si stima che ogni anno, a causa di questa malattia, muoiano più di 55.000 persone soprattutto in Asia e Africa. «Seppur in Italia gli ultimi casi di rabbia endemica sono stati segnalati nel 2011, in caso di morso da parte di animali selvatici, cani randagi o pipistrelli - sottolinea Susanna Esposito, ordinario di Pediatria all'Università degli Studi di Perugia e presidente di WAidid - lavare le ferite con acqua e sapone, rimuovere eventuali materiali estranei, usare comuni disinfettanti e recarsi sempre al centro medico più vicino per valutare la necessità di profilassi antirabbica».

Il TETANO è una malattia infettiva acuta causata da un batterio normalmente presente nell'intestino di mucche, pecore e capre. I sintomi più evidenti sono contrazioni muscolari, febbre, sudorazione, tachicardia. Si interviene con la somministrazione di immunoglobuline umane antitetaniche e l'accurata pulizia della ferita infetta. La prevenzione si basa sulla vaccinazione e richiami ogni dieci anni.

La MALATTIA DA GRAFFIO DI GATTO, è dovuta a un parassita trasmesso all'uomo dalle pulci del gatto e che causa linfonodi ingrossati. Da tre a dieci giorni dopo il graffio, compare una lesione cutanea pustolosa o vescicolosa, che può persistere per giorni o settimane, guarendo senza lasciare cicatrici. La terapia si basa sull'impiego di macrolidi.

La TIGNA è una infezione micotica che colpisce gli animali domestici (causando aree tonde alopeciche) e l'uomo su capelli, pelle e unghie. Cani, gatti e topi sono tra i responsabili della diffusione della malattia e gli antimicotici topici sono generalmente efficaci.

La SCABBIA o rogna, infezione altamente contagiosa, è causata da parassiti invisibili ad occhio nudo, gli acari, che scavano microscopiche gallerie nella pelle di uomo e animali domestici. Il sintomo più comune è un forte prurito con formazione di vescicole e croste. Si può trattare a livello topico utilizzando creme a base di benzoato di benzile utili a debellare gli acari e le loro uova. Molto importante è anche lavare vestiti e lenzuola a 90 gradi.

(ANSA)

 

clicca e scopri come sostenerci

Aggiungi un commento