I tumori inviano droni biologici contro il sistema immunitario

22/08/2018 - 07:51

Le cellule tumorali lanciano dei veri e propridronibiologici per combattere a distanza il sistema immunitario: sono delle piccole vescicole (chiamate esosomi) che entrano nel circolo sanguigno portando sulla superficie un'arma molto potente, la proteina PD-L1, che fiacca iguardianidel sistema immunitario prima ancora che si avvicinino al tumore.

Questi esosomi, individuati nel melanoma metastatico, sono presenti anche nel tumore del polmone e della mammella: in futuro potrebbero essere usati per prevedere e monitorare la risposta dei pazienti alle terapie, come spiegano i ricercatori dell'Università della Pennsylvania in uno studio pubblicato sulla rivista Nature.

«L'immunoterapia salva la vita in molti casi di melanoma metastatico, ma circa il 70% dei pazienti non risponde alle cure», spiega il biologo Wei Guo. «Questi trattamenti sono costosi e possono avere seri effetti collaterali: per questo - aggiunge il ricercatore - sarebbe molto utile sapere in anticipo quali pazienti ne possono trarre beneficio. Identificare un biomarcatore nel sangue potrebbe aiutarci a fare queste previsioni e, successivamente, a monitorare l'efficacia delle cure».

Come la glicemia per il diabete, così la proteina PD-L1 e altri biomarcatori presenti sugli esosomi potrebbero diventare un nuovo modo per monitorare l'andamento della terapia con un semplice esame del sangue. «È un altro passo avanti verso la medicina personalizzata e di precisione», conclude Guo.

(ANSA)

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci