Vita da spiaggia, che cosa mangiare e bere per resistere al caldo

Visualizzazioni:
410
21/07/2018 - 12:57

Siete tra coloro che arrivano in spiaggia al mattino per tornare a casa soltanto quando il sole è ormai basso? Se la risposta è sì, vi ricordiamo che, per resistere tutto il giorno a mare, non bisogna prestare attenzione solo alle possibili scottature, ma anche all'alimentazione.

La nutrizionista Isabel Maples, portavoce della Academy of Nutrition and Dietetics in USA, ha stilato una lista di tutti gli accorgimenti da adottare per nutrirsi e idratarsi in maniera adeguata quando si fa vita da spiaggia e il menù corretto - bevande comprese - per reintegrare l'energia risucchiata da sole e bagni.

Prima regola, per assicurarsi che i cibi - specie se deperibili - non siano guastati dalle alte temperature, è quella di munirsi della borsa frigo che va tenuta all'ombra o quanto meno sotto un asciugamano. Come riempirla? Prediligere frutta molto ricca di acqua come l'anguria che può divenire anche la base di un'insalata con la feta, un formaggio proteico e una ricarica di sodio per reagire alla sudorazione che non risparmia nessuno al mare.

Per uno spuntino nutriente, spiega ancora Isabel Maples, prediligere un kebab vegetariano (facile da mangiare anche con le mani insabbiate) con formaggio, cetrioli, insalata e pomodori o con humus, ricco di proteine, che, in alternativa al kebab, si può portare comodamente anche in piccole ciotole monoporzione.

Sì anche all’insalata con cereali integrali e legumi (farro o quinoa), semi e frutta secca. La frutta secca può anche divenire l'ingrediente principe di un ottimo spuntino. Invece, se ci si accontenta di uno snack più semplice, scegliere un pacchetto di cracker integrali, ricchi di fibre che placano la fame.

Quanto alle bevande, conclude Isabel Maples, prediligere l'acqua o al limite succhi rigorosamente al 100% di frutta. Evitare le bibite e gli alcolici che disidratano dando solo una falsa sensazione di domare la sete.

(ANSA)

 

clicca e scopri come sostenerci

Aggiungi un commento